Masturbazione: quando lei tocca lui (part 1)

Come promesso a una nuova cara amica, a cui dedico questo post, vorrei scrivere a proposito della masturbazione maschile. Che lei pratica a lui. Quando una donna tocca il proprio partner è tentata a pensare che occorre farlo come lui si toccherebbe quando è solo. In parte questo è vero, tanto più che parlare con lui e chiedergli come vorrebbe essere stimolato lì è sempre la prima cosa da fare. Tuttavia, esiste un grosso margine di “libertà di movimento” in cui la donna può fare molto, ma molto di più rispetto a quanto un uomo può fare da solo. Quindi mettiamoci comode e vediamo quali abilità ci sono concesse da madre natura perché, ricordiamocelo, il piacere è tutto nelle nostre mani!

  • Prima cosa, assicurarsi che le mani siano ben lubrificate allo scopo di evitare fastidiosi sfregamenti. Ci si può aiutare con un buon lubrificante (possibilmente ipoallergenico) o anche con un liquido naturale al 100%: la saliva. Ponetelo nel palmo della mano e cominciate ad accarezzare il pene del partner muovendovi lentamente e con delicatezza. Accertatevi sempre che la cosa gli sia gradita. Osservate il suo viso, guardatelo negli occhi, ascoltate il suo respiro. Non pensate al suo pene come a una cosa staccata dal suo corpo, ma al fatto che sono un tutt’uno e dovete comunicare con lui, non con il suo pene. Questo aiuta tantissimo a raggiungere un senso di intimità più completa e appagante; il sesso se vissuto con partecipazione mentale unisce due persone, le rende più affini.
  • Una componente importante nella masturbazione maschile è la varietà dei movimenti. Dato che lo scopo non è portarlo subito all’orgasmo (ma al contrario prolungare…prolungare..come fosse una dolce tortura!), per evitare che lui venga subito, non appena vi accorgete che è lì lì…cambiate ritmo e movimento.

Quali movimenti usare?

Ci sono alcuni movimenti assodati, ma è chiaro che ognuno potrà poi scoprirne di altri, a seconda di ciò che suggerisce la fantasia. Eccone alcuni:

  • L’anello: con il pollice e l’indice di una mano si forma un anello che si posiziona alla base del pene. Da lì si comincia a muoverlo su e giù con un ritmo deciso e uniforme. Il tocco deve essere vigoroso. Una variante è il doppio anello; si formano gli anelli con le due mani e si posizionano prima al centro del pene e si muovono insieme così da garantire un maggior afflusso di sangue. In un secondo momento si può posizionare il primo anello nella base dell’asta e l’altro verso la testa del pene. Col primo (quello in basso) si rimane ferme ma decise, mentre con il secondo si compiono i movimenti. Questa pratica garantisce erezioni da paura!

  • Le carezze: mentre si sollecita la parte alta del pene con una stretta forte (ma senza movimenti di su e giù) con l’altra mano si accarezza e si massaggia il pene (prima delicate poi vigorosamente, ma sta a voi capire quanto intensamente piaccia al partner);
  • La più nota: prendere il pene con una mano e accarezzarlo su e giù. L’importante è variare l’intensità (da lenta a veloce a velocissima) e soprattutto la pressione.
  • Circondalo: prendi il palmo della mano (come fosse un cucchiaio) e circonda il glande. Comincia a massaggiare con movimenti circolari;
  • Circondalo e non solo: variante della precedente, ma con l’aggiunta della seconda mano, che tocca l’asta del pene, variando come sempre pressione e velocità;
  • Due mani: con entrambe le mani stringi il pene e accarezzalo delicatamente. Varia spesso la pressione.;
  • Due mani, ma veloci: variante della precedente, accarezzalo velocemente e con una resa forte;
  • Ci siamo anche noi! Con una mano accarezza il pene, piano e delicatamente; con l’altra mano (ed eventualmente con le unghie lunghe, se le hai) accarezza i testicoli (molto delicatamente);

Si conclude qui la prima parte del post dedicato alle mani che “parlano” con il meraviglioso linguaggio del corpo. La seconda parte vedrà movimenti più avanzati e articolati, ma non meno interessanti e stuzzicanti. E ora è arrivato il momento dei video: ne ho trovato un paio molto esplicativi e divertenti con sottotitoli in inglese.

Spero di essere stata chiara nelle spiegazioni e utile nel rendere ancora più piacevole la vostra vita sessuale.

Alla prossima, un caro saluto dalla vostra Penna!

Questa voce è stata pubblicata in masturbazione, Sesso, YouTube e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...